UA-63459545-1

«

»

Gen 26

Exit (2012)

SO111204.jpg

feed.pngIscriviti Gratis ai nostri Feed!

ARTESEFILM.MYBLOG.IT

BANDIERA.gifSO111204.jpg

Dopo il suicidio del suo compagno di stanza, Marco, un giovane disagiato, inizia a pensare che la sua esistenza è molto simile a quella del suo amico, se non peggiore. La mancanza di prospettive, un forte senso di inadeguatezza non fanno che peggiorare il suo stato d’animo. In piena crisi, il ragazzo chiede al fratello Davide di accompagnarlo in Olanda per fare quello che il suo amico Maurizio aveva programmato lucidamente: un suicidio assistito. Confessa che vuole farla finita con la sua vita di emarginazione e malessere. Davide, abituato a convivere con le crisi e i deliri del fratello, non prende nemmeno in considerazione la richiesta. Non sa, e non può sapere che quello che Marco afferma ha una sua plausibilità. Infatti il protocollo olandese sull’eutanasia contempla anche la sofferenza psichica.

 

Il giorno dopo la discussione tra i due, Marco scappa dalla Comunità che lo ospita e prende un treno per Amsterdam con l’intenzione di portare a termine la sua disperata – o folle, dipende dal punto di vista – missione. Proprio nel momento in cui sta cercando di ricucire la sua relazione con Nina, Davide è costretto a prendere atto della situazione e a partire a sua volta per l’Olanda. Nina, benché stanca di assistere a quello che reputa un gioco al massacro, decide di non lasciarlo solo in questa emergenza. Il viaggio inaspettato dà modo alla coppia di stare nuovamente insieme dopo un periodo di separazione.

 

Giunto ad Amsterdam, Marco si perde in quella città piena di luci e attrattive. Quasi dimentico delle ragioni che lo hanno portato fin là, vaga in bicicletta senza una meta precisa. È ormai in balia di sé stesso, ma anche libero come non lo è mai stato. Al pari di un condannato, esaudisce anche il suo ultimo desiderio: un rapporto intimo con una donna, una prostituta. Nel frattempo anche Davide e Nina arrivano ad Amsterdam, e iniziano le ricerche.

 

Una sera, per puro caso, Davide vede sfrecciare il fratello in sella a una bicicletta. Lo insegue a piedi per un lungo tratto e lo blocca nei pressi del porto. Tra i due scoppia un aspro confronto. Marco non sembra intenzionato a tornare indietro, ma Davide riesce a convincerlo che la sua missione suicida è impraticabile. I medici con cui ha parlato hanno dichiarato in modo inequivocabile che le condizioni di Marco non sarebbero compatibili con l’eutanasia. Se anche ci fossero le condizioni, come cittadino straniero non potrebbe ottenere il suicidio assistito. Marco si deve arrendere all’evidenza.

 

I tre riprendono la strada del ritorno. Un volo per Pisa e in macchina fino a Roma. Durante il tragitto Davide ha un colpo di sonno e per poco non ci scappa un incidente. Decide quindi di deviare il percorso e di fermarsi dove può per riposare. I tre, ormai esausti, si addormentano in macchina. Un’alba magnifica illumina una landa di terra incontaminata. Un treno di passaggio sveglia Marco; il ragazzo scende dall’auto mentre Nina e Davide dormono ancora, e si allontana. Poco dopo anche Nina si sveglia, e si accorge che Marco non c’è. Comincia così l’epilogo, che è poi l’inizio del film.

 


 

Videoweed Uploaded
Novamov Depositfiles

Bitshare
Exit (2012)ultima modifica: 2012-01-26T07:40:35+00:00da artese11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento